11.9.2017, 11:45

Guida autonoma: AMAG collabora con la start-up Kopernikus

AMAG si impegna ora anche nell'ambito della guida autonoma e da quest'anno collabora con la start-up tedesca Kopernikus. L'obiettivo è trovare una soluzione per le auto a guida autonoma in Svizzera. Questa collaborazione rientra nella nuova strategia di AMAG per il mercato della mobilità, attualmente in fase di cambiamento.

Come annunciato nel mese di maggio di quest'anno, AMAG si sta riorganizzando sostanzialmente al fine di soddisfare al meglio le esigenze di un mercato della mobilità in rapida trasformazione. Avranno un'importanza strategica gli ambiti trasformazione digitale e nuove forme di mobilità, in particolare i temi riguardanti la connettività, la mobilità su richiesta, la mobilità elettrica, la guida automatizzata e i servizi nel campo della mobilità. Per questo motivo AMAG ha siglato quest'anno una partnership con la start-up tedesca Kopernikus per promuovere la guida autonoma in Svizzera. 

Kopernikus ricerca per AMAG come rendere più sicure in futuro le auto a guida autonoma in Svizzera. A tal fine l'azienda ha instaurato contatti con selezionate start-up a Silicon Valley. L'obiettivo è equipaggiare i veicoli che non sono ancora in grado di guidare autonomamente con un «software intermedio», un «middleware». Le soluzioni per auto a guida autonoma che vengono sviluppate nella Silicon Valley dovranno essere adattate al mercato svizzero per poter soddisfare i requisiti di sicurezza e gli standard dei consumatori locali.

Il prossimo fine settimane, all'HackZurich 2017 – uno dei più grandi concorsi per programmatori in Europa (dal 15 al 17 settembre 2017) – si lavorerà a un caso specifico di AMAG e Kopernikus. AMAG è partner di HackZurich, che si svolge nell'ambito del Digital Festival di Zurigo, già per la terza volta. Inoltre, AMAG è membro di Digital Switzerland e coopera con varie organizzazioni che si impegnano per la promozione delle start-up. Negli ultimi due anni AMAG ha partecipato personalmente a varie start-up. A luglio 2017, ad esempio, ha rilevato la maggioranza azionaria dell'innovativa piattaforma di car sharing svizzera sharoo.

Share this: